venerdì 12 gennaio 2018

Semisfere di Bloody Mary per un MTC super alcolico!



..... ricominciamo???????!!!! Prima ricetta del 2018, partiamo alla grande con tanto alcol .... non sono impazzita ma è sempre e tutta colpa del MTC, io ho solo cercato di eseguire una ricetta per la sfida numero 69, la vincitrice Giulia ci ha catapultato in un mondo nuovo, in cui l'alcol è protagonista! Un regolamento che ho letto tante di quelle volte da saperlo a memoria, perchè sembrava facile ma non lo era, ero partita da tutt'altro, volevo prendere un cocktail ed intreccialo in una ricetta comune, ma spulciando il web sono andata a finire in un mondo nuovo fatto di ricette mai viste, gelatine, spume e qual'altro,  ora il mio dubbio è quello di aver sbagliato completamente ricetta... ma insomma ho deciso di buttarmi quindi mi prendo il rischio di essere asteriscata... cioè andare fuori gara, una cosa è certa mi sono divertita a preparare queste semisfere, mi sentivo il piccolo chimico...spero di aver capito ed eseguito bene quello che MTC richiedeva, vi lascio alla ricetta un abbraccio, Fabiola.



Ricetta Bloody Mary IBA

4,5 cl di vodka.
9 cl di succo di pomodoro.
1,5 cl di succo di limone.
2/3 gocce di Salsa Worcester.
1 pizzico di sale di sedano e di pepe nero.
Tabasco.

Ingredienti per 6 semisfere
per i gelée di pomodori:
  • pomodori maturi (succo circa 250ml)
  • 1 cucchiaino raso di agar agar
  • tabasco
  • 2 gocce salsa worcester
  • sale di sedano
  • pepe nero
per la gelatina alla vodka:
  • 300 ml di vodka 
  • 180 ml di acqua + altri 270 ml di acqua
  • 5 fogli di colla di pesce
per l'aria di limone:
  • succo di 1 limone, filtrato
  • 2 cucchiai di acqua
  • 3 g di albume d'uovo
come prima cosa preparate il sale di sedano, tagliata e lavate i gambi del sedano a tocchetti, se avete l'essiccatore potete essiccarle li, altrimenti potete metterli in una teglia ricoperta da carta da forno e a 100° C, li essiccate per almeno 3 ore, se serve allungate i tempi, appena sono pronti, fate raffreddare e frullate finchè non ottenere una polvere finissima.

Per la gelatina alla vodka:
mettete in ammollo in acqua fredda la gelatina, nel frattempo mescolate acqua e vodka e riponete in frigo a raffreddare. In un pentolino portate i 270 ml di acqua a 100° C, strizzate la gelatina versate nell'acqua mescolate per bene, unite la soluzione di acqua e vodka, mescolate per bene, riempiti gli stampi di silicone per 1/3, fate raffreddare e riponete in frigo per 3 ore (per la ricetta ho preso spunto da qui).

Per i gelée di pomodori:
incidete i pomodori, scottateli per un paio di minuti nell’acqua bollente, scolateli e fate raffreddare in una ciotola con acqua fredda, spellateli, trasferite in un frullatore salate e frullate, filtrate il succo che avete ottenuto. Aggiungete al pomodoro la salsa worcester ed il sale di sedano, mescolate, unite l’agar agar, portate a bollore per 30 secondi, fate raffreddare completamente, e versate sulla gelatina di vodka in modo tale da riempire i singoli stampi e riporre in frigo per almeno 4 ore. Passato il tempo sformate le semisfere, fata molta attenzione, le due gelatine non legano tra di loro, quindi prima si sformerà la gelatina di pomodoro e poi quella alla vodka, sovrapponetele in modo simmetrico (per la ricetta ho preso spunto da qui).

Per l'aria di limone:
in un contenitore per frullatore ad immersione, unite il succo di limone, l'acqua e l'albume, emulsionate con il frullatore finchè non avete ottenuto una spuma, con un cucchiaino prelevate con delicatezza l'aria e adagiate su ogni singola semisfera, per finire aggiunte una leggera spruzzata di pepe nero e servite (per la ricetta ho preso spunto da qui).

Stampo Pavoni 





banner_sfidadelmese_69

7 commenti:

  1. Asterisco o meno questa tua idea mi piace tanto :-D

    RispondiElimina
  2. Ti sei data alla cucina molecolare? Scherzo, ma direi che la tua interpretazione è riuscitissima

    RispondiElimina
  3. Hai tutta la mia stima e i miei applausi, perché si sei buttata non sentendoti sicurissima, hai studiato i procedimenti, ti sei applicata.. e si vede!
    E' venuta fuori una figata di ricetta, che adorerei mi venisse servita per aperitivo insieme a qualcosa di croccante e sapido.
    Hai centrato non solo la ricetta, ma proprio lo spirito della sfida, che nei miei pensieri non parla solo di alcool, ma di sperimentazione, di gioco in cucina, di divertimento e passione.
    E nella tua realizzazione vedo tutto questo. Bravissima davvero!

    RispondiElimina
  4. Brava per esserti cimentata nella famigerata "schiumetta" nel piatto. Ho sempre dichiarato di odiarla, ma confesso di averci provato, in fondo può essere divertente. Nella tua preparazione sta benissimo.

    RispondiElimina
  5. Fabiola, questa volta ti sei superata: brava, brava, brava!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Accidenti mi hai colpita ed affondata, non è una sfida facile e tu l’hai resa ancora più difficile perché adesso trovare qualcosa che sia almeno al tuo pari sarà un gran macello!
    Bravissimaaaaaa sei stata bravissimaaaaaa!!!!!

    RispondiElimina
  7. Ma sai che l'assaggerei volentieri?
    Mi piace la tua ricetta complimenti!!

    RispondiElimina

Se passi, lascia un commento, fa sempre piacere, GRAZIE.
A tutti coloro che si firmano Anonimo, li informo che il loro messaggio verrà eliminato.