giovedì 11 maggio 2017

Musaka



Buongiorno e buon giovedì, eccomi con una ricetta dedicata alla Calendario del cibo italiano, oggi si parla di Petronilla, questa volta il mio contributo va alla rubrica "le voci degli altri", curata dalla bravissima Marina, da cui ho preso anche la ricetta, dedicata a Pata Markovic, una donna di origine serba che ha scritto il libro, Il mio libro di cucina nel 1939 a Belgrado. La musaka per me non è un piatto nuovo, mia suocera è greca quindi da molti anni conosco benissimo questo piatto, non lo preparo spesso ma lo ritengo un piatto completo molto gustoso che accontenta tutti. 
Vi lascio alla ricetta, un abbraccio Fabiola.

Ingredienti:
  • 500 g di tritato di vitello
  • 2 uova
  • 1 kg e mezzo di patate
  • sale
  • 2 cipolle scalogno
  • pepe
  • olio extravergine di oliva
  • salvie e rosmarino tritati
  • acqua
In una padella dal fondo spesso unite lo scalogno tagliato a rondelle e l'olio d'oliva, fate rosolare un paio di minuti, unite il tritato, salate e pepate e cuocere per 15 minuti. Pelate le patate e tagliatele a fette di 3-4 mm, ungete una teglia con l'olio, e disponete a strati le patate alternando alla carne, salate la strato di patate quando lo formate, terminate con le patate. Nella padella in cui avete cotto la carne, sbattete le due uova, unite una tazzina di acqua, sale, pepe e una manciata di salvia e rosmarino, mescolate per bene, versate sulla musaka. Infornate a 180° C, coprendo con l'alluminio per mezz'ora. Passato il tempo togliete il foglio d'alluminio, versate un filo d'olio e mettete a cuocere per un'altra mezz'ora. A fine cottura, aumentate la temperatura del forno. Prima di servire fate riposare 10 minuti.

4 commenti:

  1. buonissima e colorata ... golosa!

    RispondiElimina
  2. Grazie Fabiola...ma tu giocavi in casa 😊

    RispondiElimina
  3. Un piatto molto gustoso, e così diverso dalla musaka greca, bravissima :)

    RispondiElimina
  4. sono sapori che non mi sono particolarmente famigliari, però potrei anche provare a farla da me, e assaporarla... magari potrebbe piacermi!

    RispondiElimina

Se passi, lascia un commento, fa sempre piacere, GRAZIE.
A tutti coloro che si firmano Anonimo, li informo che il loro messaggio verrà eliminato.