mercoledì 21 novembre 2012

Ricetta arancine con salsiccia speck e ricotta salata

Buongiorno e buon mercoledì!!!!!!!!! Eccomi nuovamente, sono qui a proporvi una nuova versione di Arancine, le prime, che trovate qui, quella alla parmigiana, che mi sono rimaste nel cuore, devo essere sincera...Questa versione molto più semplice con salsiccia e speck, con l'aggiunta della ricotta salata per dare un tocco di Sicilia anche qui. Spero che anche queste siano di vostro gradimento, vi lascio alla ricetta augurandovi una serena giornata, Baci Fabiola.

Image and video hosting by TinyPic
Piatto Saturnia, tovaglietta Villa d'este

Ingredienti:
per il riso:
  • 500 GR di riso originario
  • L circa di brodo vegetale (con carota, cipolla, sedano)
  • 1 bustina di zafferano Ariosto
  • 30 Gr di burro
  • 30 Gr di parmigiano grattugiato
  • 1 cipolla piccola
  • Olio d'oliva
  • Sale

per il ripieno:
  • 300 Gr di salsiccia
  • 100 Gr di speck
  • 1/2 cipolla bianca
  • Olio d'oliva Ficacci
  • Vino Bianco
  • Sale
  • Ricotta salata
per la lega:
  • 800 Ml di acqua
  • 450 di farina
  • Sale
per la panatura:
  • Pangrattato
per la frittura:
  • Olio di mais per friggere
Image and video hosting by TinyPic

Come prima cosa preparate il riso, io l'ho cucinato la sera prima, preparate il brodo vegetale, appena è  pronto, rimuovere la carota, il sedano e la cipolla di cottura e sciogliere lo zafferano nel brodo, aggiustate di sale. In un tegame capiente, mettete l'olio d'oliva,  fate appassire la cipolla, precedentemente grattugiata, ho usato la grattugia Bianchi Casalinghi. Versate il riso e fare tostare un pochino. Unite brodo, non tutto in modo da poterne aggiungere all'occorrenza se servirà. Fermate la cottura quando il riso sarà al dente e si presenterà piuttosto compatto. Immergete il tegame nel lavello riempito d'acqua fredda e mantecare con il burro e il parmigiano grattugiato. Trasferite il riso in una teglia a fatelo raffreddare del tutto. Preparate il ripieno, in una padella antiaderente, ho usato Illa, unite la cipolla sminuzzata e l'olio d'oliva, fate appassire, unite la salsiccia priva del budello, e fate cuocere a fiamma moderata schiacciando un pò con la forchetta, sfumate con il vino bianco, salate e continuate la cottura a fiamma bassa, per almeno 15 minuti. Trasferite la salsiccia in una ciotola di vetro e fate raffreddare, passato il tempo unite lo speck, tagliato a striscioline, e la ricotta grattugiata, mescolate per bene. Adesso cominciare a formare le arancine, prendere il riso, formare una palla, delle grandezza che preferite, fare un buco al centro e condirle con il ripieno, chiudere l'arancina cercando di compattarla con le mani per evitare che il condimento fuoriesca, man mano che arrotolate l'arancina, se volete potete dargli una forma diversa, infatti io le ho fatte ovali,  metterle in una teglia antiaderente, finite tutte, preparate la lega unendo in una ciotola acqua, farina e sale, mescolate per bene per eliminare i grumi, io uso la frusta. In un'altra ciotola mettete il pangrattato. Adesso è rimasto l'ultimo passaggio, quello della panatura, per ottenere una buona panatura bisogna essere in due una persona che si occupa del passaggio nella lega e l'altra per quello nel pangrattato, per evitare di sporcare le due ciotole, quindi passare le arancine prima nella lega, scolandole un pò e poi nel pangrattato, in questo ultimo passaggio, man mano che si passano nel pangrattato compattarle con le mani. Per finire friggetele in olio bollente e servire ben calde.

Con questa ricetta partecipo al MTC


ed al contest del blog Squisito




30 commenti:

  1. Te lo posso dì? Sei diabolica così di prima mattina…uff! Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
  2. Una delle cose più buone del mondo!! Quel ripieno è irresistibile!

    RispondiElimina
  3. mamma miaaaa! voglio rifarle anche se so che non verranno mai perfette come le tue!

    RispondiElimina
  4. queste te le devo proprio "copiare".. sono una favola

    RispondiElimina
  5. veramente light!!! Ma veramente....
    Ora mi spiego tante cose....immagino sia colpa di mamma!! Baci

    RispondiElimina
  6. Un'altra versione di arancine stragolose.Bravissima.

    RispondiElimina
  7. a me restano nel cuore le tue fotografie, sempre: quella della volta scorsa, non ti dico: ma anche queste, non sono da meno.
    Da nordica (e da nordica a novembre, sto commentando dall'aufficio in cappotto e tazza di tè) non posso che apprezzare questo ripieno- e pazienza se non è proprio una robina ipocaloric... intanto, il cappotto nasconde tutto...e il tè fa il resto!!!
    grazie ancora
    ale

    RispondiElimina
  8. Mamma che goduria...io ci farei anche colazione :-)

    RispondiElimina
  9. Eccerto.. non le bastava la salsiccia.. anche lo speck!!! mamma mia che ripieno pazzesco per queste arancine.. baci e buona giornata :-)

    RispondiElimina
  10. Ma allora ci hai preso gusto... anche se mi piace di più la versione vegetariana, una di questa ricca la prendo a volo! Baci :)

    RispondiElimina
  11. Irresistibili!! Quanto sono buone!!!!
    Un bacione grande :)

    RispondiElimina
  12. noooooooooooooo non si possono guardare....si devono pure magnare!!!!!!!!!!!! brava Fabiola

    RispondiElimina
  13. arancine=polpette...ed il mio contest???
    ti aspetto cara!
    bacioni

    RispondiElimina
  14. Irreisistibili le arancinE :) ne approfitto per inserirle su Pinterest nella nuova bacheca condivisa dedicata alla cucina italiana, spero non ti dispiaccia, sono davvero belle e sicuramente buone.
    Un abbraccio
    Sonia

    RispondiElimina
  15. Mamma che meraviglia! Io vado matta per gli arancini anche se non li ho mai fatti perchè a casa mia vige il divieto del fritto e questo mese mi state facendo diventare matta con questo MTC!!!
    Quelli alla parmigiana sambravano deliziosi, ma anche questi mica scherzano!! Bravissima!

    RispondiElimina
  16. ahh eccco! vedendo il post in tutto il suo splendore si, vedo dell'ovale ;) sai che io mangio le arancine sono se fatte in casa??? quindi sono ben lieta di mangiare le tue!! :)

    RispondiElimina
  17. ho finito da pochissimo di pranzare, ma le tue arancine mi fanno sempre venire una voglia!!! mannaggia... :-)

    RispondiElimina
  18. Che bella variante di arancine mi piace!!
    Gnamm
    baci!!

    RispondiElimina
  19. Oddioooooo, quello squarcio trabboccante di ripieno è un vero invito a peccare di gola...io intanto prendo nota, perchè sai, Santa Lucia è vicina, ahahaha.Bacio

    RispondiElimina
  20. sei la regina delle arancinE e delle polpette!

    RispondiElimina
  21. tesoro, questo mese tifo per te con tutto il cuore...anche io le ho fatte alla parmigiana e dal gran che son bruttine mi vergogno a pubblicarle...da siciliana doc hai tirato fuori il meglio di quell'isola che mi è rimasta nel cuore, tifo davvero per te!Brava!

    RispondiElimina
  22. inserita...grazie per la partecipazione!

    RispondiElimina
  23. TI CONFESSO DI NON AVER MAI FATTO GLI ARANCINI..I TUOI HANNO UN ASPETTO DAVVEROINVITANTE UN BACIO SIMMY

    RispondiElimina
  24. ma ma ...sono senza parole e con la bava alla bocca..non dico altro!!!!

    RispondiElimina
  25. Buonissima idea per questa farcitura e approvo appieno la ricotta salata... la metterei ovunque, tanto mi piace!!!
    Baci,
    Franci

    RispondiElimina
  26. Ciao! le tue arancine sono un passo avanti, veramente. Dal ripieno, alla forma , alla panatura un vero spettacolo, e quella ricotta salata mi mette una nostalgia!!
    Francy

    RispondiElimina
  27. che spettacolo!!! che voglia di rifriggere!

    RispondiElimina
  28. Ogni anno non vedo l'ora che arrivi la nostra Santa Aranc....ehmmmm "Lucia", ma che idea che hai avuto!!!! Spettacolo questo ripieno........
    Un bacio!

    RispondiElimina
  29. ma che belle, ma che buone!
    più semplici delle precedenti per la preparazione del ripieno ma anche queste gustosissime, e con quel tocco di Sicilia che ci sta alla perfezione!

    ^_^
    roberta

    RispondiElimina

Se passi, lascia un commento, fa sempre piacere, GRAZIE.
A tutti coloro che si firmano Anonimo, li informo che il loro messaggio verrà eliminato.