venerdì 14 settembre 2012

Ricetta la torta Pasqualina

Buongiorno e buon venerdì, a settembre ritorna MTC, nuova ricetta e nuova esperienza, come sempre del resto, ricetta ligure, ad una siciliana come me, era totalmente sconosciuta, ovviamente ne ho sentito parlare, vista in giro per il web, ma mai assaggiata e non ho mai avuto la curiosità di capire come si preparava, per colmare questa lacuna ci ha pensato Vittoria, che vincendo MTC di luglio ci ha proposto questa ricetta. Anche questa volta è stata una piacevole scoperta, fare a pugni con la sfoglia è divertente, soffiare dentro una cannuccia per formare la cupoletta  mi piace e molto, devo ammettere che non ha retto tanto si è sgonfiata ma il risultato è strato ottimo lo stesso. Le nuove ricette mi intrigano ormai lo sapete, quindi qualche altra versione nascerà sicuramente. Vi lascio augurandovi un sereno fine settimana, baci Fabiola.

Image and video hosting by TinyPic
Piattino e tovagliette Villa d'este
Ingredienti:
per la sfoglia:
  • 300 Gr di farina manitoba
  • 30 Gr di olio
  • ½ bicchiere di vino bianco secco
  •  ½ bicchiere di acqua circa
  • Un pizzico di sale
per il ripieno:
  • 1Kg di bieta
  • ½ cipolla bianca
  • Olio d'oliva 
  • 250 Gr di stracchino
  • 50 Gr di parmigiano
  • Erba cipollina
  • 3 uova
  • Sale
  • Peperoncino
Image and video hosting by TinyPic

Come prima cosa preparare la sfoglia, in una ciotola unite la farina il sale e tutti i liquidi, impastate, appena il composto risulta omogeneo, dividetelo in 5 palline e lasciatelo riposare per 2 ore. Nel frattempo preparate il ripieno, pulite e lavate le biete e passatele in padelle con l'olio, sale e la cipolla tritata, finchè l'umidità non si sia asciugata per bene, lasciate raffreddare appena sono pronte. A parte unite in una ciotola il parmigiano, lo stracchino, l'erba cipollina, sale e peperoncino lavorate per amalgamare il tutto. Stendete la prima sfoglia, molto sottile, con  il mattarello pugni o qualsiasi cosa vi possa aiutare, foderate la teglia, già unta di olio, ho usato Guardini, coprendo anche i bordi, ungete la sfoglia e adagiate la seconda sfoglia, condite la torta con le biete, sopra i formaggi, poi con il dorso di un cucchiaio fate 3 incavature dove andrete a mettere le 3 uova intere, salatele e pepate e versate un filo d'olio in ciascuno uovo. Cominciare a tirare le tre sfoglie, sempre sottilissime, senza buchi, adagiate la prima, ungetela d'olio e adagiate la seconda, ungete e appoggiate una cannuccia sul bordo, adagiate l'ultima sfoglia e sigillate per bene i bordi, soffiate dentro la cannuccia per formare la cupoletta, appena è ben gonfia, togliete subito la cannuccia e immediatamente sigillate. Infornate a 180° per 45 minuti, appena è cotta sfornate e spennellate delicatamente con l'olio. Appena è fredda tagliatela a fette e servite.

L'emmetichallenge di settembre 2012

28 commenti:

  1. bellissima...a me le torte rustiche vengono sempre uno schifo e spesso non le posto nemmeno! guarda la tua che perfezione!

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia Fabi, è la pefezione in una torta salata :) Con dentro il profumo della primavera e un raggio di sole, inevitabilmente mi richiama la Pasqua. Un bacione, buon we

    RispondiElimina
  3. Fabiola questa torta è stupenda,si mangia con gli occhi!!!!buon w.e.!!

    RispondiElimina
  4. Non lo mai fatto ma ha un aspetto molto invitante!

    RispondiElimina
  5. Ci sono infinite varianti per questa torta salata, ma la tua è davvero molto invitante!
    Complimenti mia cara e buona giornata!

    RispondiElimina
  6. Io le adorto le torte rustiche!!!!! e questa è un classico che preparo a Pasqua.. ma chissà perchè effettivamente non la faccio in altri periodo dell'anno!!! buonissima la tua! baci e buon w.e. :-)

    RispondiElimina
  7. bellaaaaaaaaa e pure i centrini brava Fabiola ancora una volta hai fatto centro!!baci

    RispondiElimina
  8. Hai scelto l'approccio più giusto e più intelligente- quello di provare la ricetta di un piatto che non si conosce e che è indispensabile poter realizzare ed assaggiare, prima di poter intervenire con rielaborazioni successive. L'MTC è anche questo, la trasmissione di un sapere antico, che va oltre le tecniche culinarie per riproporre ricette di tradizione, con la ricchezza che di solito le contraddistingue, da qualsiasi regione queste provengano. Leggevo più sopra un commento, che fa riferimento alle molte versioni che esistono, di questa torta: è vero a metà, nel senso che, trattandosi di una ricetta che tutte le famiglie hanno. è facile che ognuno la prepari secndo quanto ha appreso dalla mamma o dalla nonna: ma le tecniche e gli ingredienti son quelli. Le torte liguri hanno una sfoglia povera, senza burro, per esempio: e quando leggo di "pasqualine" fatte con la brisée o con la sfoglia, inorridisco :-) e lo stesso vale per il ripieno. Bietole e, più di recente, carciofi, ma con parsimonia, che costan cari e noi genovsi, si sa, a certi argomenti siam più sensibili di altri. La "pasqualina" con gli spinaci, quindi, non è una pasqualina. E così via. E' per questo che, tornando alla tua ricetta, plaudo alla tua scelta che ancora una volta ti denota come unaconcorrente preziosa: curiosa, umile, animata da un sincero desiderio di imparare e di mettersi alla prova. Ovvio che aspettiamo le tue varianti, perchè ci hai bene abituato e non possiamo più farne a meno :-) : ma sappiamo anche che saranno varianti "consapevoli", tutte modulate su una tradizionealla quale ti sei accostata con grande rispetto.
    Grazie, davvero
    ale

    RispondiElimina
  9. Mi piacciono le varianti perchè ognuno di noi facendo una ricetta, ha una propria interpretazione e la tua mi sembra proprio buona. Complimenti!!!!

    RispondiElimina
  10. mi sembra giusto ..é il 14 .. io ancora non ho letto la ricetta di vitto ma voi ne avete gia pubblicate a milgiaia! brave!

    RispondiElimina
  11. Davvero perfetta e super golosa!!! Bravissima come sempre! UN bacione e buon week end.

    RispondiElimina
  12. mi sono depressa!!! è bellissimaaa!!

    RispondiElimina
  13. Non è venuta male!!! La sfoglia deve scendere non deve rimanere la cupola alta... ma adagiarsi a velo.
    Bravissima!
    Nora

    RispondiElimina
  14. Io adoro questa torta e la tua è meravigliosa!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  15. Be' direi che e' molto più bella mia!!! Bellissima davvero!!!!

    RispondiElimina
  16. Grazie per il tuo commento, e' vero i medici dovrebbero vergognarsi, hanno dimenticato il giuramento di Ippocrate , e ricordano solo le proprie tasche, un vero schifo...
    Speriamo proprio di riprenderci...un bacione

    RispondiElimina
  17. è riuscita benissimo Fab, complimenti ! Un abbraccio e buon we...

    RispondiElimina
  18. Io non riesco a trovarci difetti, mi sembra venuta benissimo!! Brava Fabiola, come sempre.

    RispondiElimina
  19. Io ho appena fatto la pasta, anche per me prima esperienza. non vedo l'ora di provarla.

    RispondiElimina
  20. sei sempre più brava, soprattutto nelle foto, mi piacciono tantissimo!

    RispondiElimina
  21. Ciao Fabi, sei bravissima!!! Che fame!!!

    RispondiElimina
  22. Sempre buona la torta pasqualina, ottima anche la versione con i carciofi.

    RispondiElimina
  23. ciao
    Buonissima la torta pasqualina.

    RispondiElimina
  24. che buona ..
    bravissima come sempre...
    baci

    RispondiElimina
  25. Ma dai è venuta benissimo!
    Mica è così facile al primo tentativo!
    La cupola è scesa, ma l'effetto velo l'ha fatto eccome!
    Vitto

    RispondiElimina
  26. Anche io sicula sono e come te non avevo idea di come si facesse e che consistenza potesse avere. E' stata una bella scoperta, concordo. La tua torta è buonerrima :)

    RispondiElimina
  27. Mi sembra bellissima e sicuramente anche buonissima :)

    RispondiElimina

Se passi, lascia un commento, fa sempre piacere, GRAZIE.
A tutti coloro che si firmano Anonimo, li informo che il loro messaggio verrà eliminato.