lunedì 11 aprile 2011

Pecorelle Pasquali.

Buon pomeriggio e buon inizio di settimana.
Inizio la settimana con una ricetta tipica delle mie parti, si avvicina il periodo Pasquale, come da tradizione si preparano le pecore di pasta di mandorla, quelle che vedete sono state preparate dalla mia mamma, ed insieme la abbiamo decorate. Con questa ricetta partecipo al contest di Ramona del blog Farina,  lievito e fantasia, dedicato al 150° anniversario dell'unità di Italia, che vede protagoniste tutte le ricette tipiche della tradizione di ogni regione italiana, quindi non c'è ricetta più adatta.
Vi auguro una buona giornata, Fabiola.

Image and video hosting by TinyPic

Image and video hosting by TinyPic


Ingredienti:
500 Gr di farina di mandorla
1 Kg di zucchero a velo
150 Gr di miele di api
1 fiala di amaro di mandorla
2 bustine di vanillina
Amido di mais

per la glassa:
200 Gr zucchero a velo
100 Gr albumi
succo di limone

coloranti alimentari
caramelle e cioccolattini per decorare

In una ampia ciotola unire tutti gli ingredienti, ed impastare, se l'impasto risulta duro aggiungere una  goccia d'acqua. Prendere lo stampo per fare le pecore, quella che vedete in foto è stata fatta con uno stampo da 150 Gr, spennellarlo con l'amido di mais, prendere un pezzo di impasto, dopo averlo pesato, formare una pallina, cercando di renderla compatta, metterla nello stampo chiudere con l'altra metà e formare la pecora, staccarla delicatamente, riporle su di una teglia e farle asciugare per qualche giorno. Riprendere le pecore, colorarle, farle gli occhi, la bocca, il naso, le zampette ed il manto appena colorato. Preparare la glassa sbattento con le fruste elettriche gli albumi e lo zucchero a velo, solo alla fine aggiungere una goccia di succo di limone, la glassa deve essere dura. Attaccare, utilizzando la glassa,la pecora nel cestino di vimini, fare nei bordi altri decori sempre con la glassa, e mettere le caramelle o cioccolattini a piacere, aggiungere anche altri decori adatti per le pecorelle come la bandierina, la campanellina etc.

Image and video hosting by TinyPic

31 commenti:

  1. Bravissima.Queste sono le ricette che accendono i ricordi.
    Un abbraccio e buon pomeriggio.
    Ciao,Fausta

    RispondiElimina
  2. la pecorella!!che brava che sei stata!!

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. La pecorella è tenerissima, ricordo che qualche anno fa me ne portarono una da Palermo proprio per la Pasqua. Cer la pasta di mandorle potrei farmi del male!!!!! L'adorooooooooooooo! Un bacione bella, buona settimana

    RispondiElimina
  5. Come è bella! Siete state bravissime tu e la tua mamma,sembra proprio quella che trovi in pasticceria!Buon inizio settimana.

    RispondiElimina
  6. Sei stata bravissima, che bella!

    RispondiElimina
  7. Sei stata bravissima!! Sono stupende!! Un bacione cara.

    RispondiElimina
  8. Ma che bella questa tua tradizione.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  9. ma siete state brave!!me li regalava la mia nonna materna..che bel ricordo...pero' non li ho mai mangiati,troppo dolci e poi era un vero peccato fargli fare quella fine..preferivo guardarli e accarezzarli..brave davvero..baci

    RispondiElimina
  10. Che bella! Sei stata veramente bravissima, a me lo mandava "zia Rosaria" da Palermo, era una vita che non ne vedevo uno! Buona giornata ciao

    RispondiElimina
  11. Scusa se mi permetto, ma ... forse manca un ingrediente...con cosa compatti farina di mandorle zucchero a velo e amido? solo acqua??
    io ho una dose che prevede il glucosio, ma forse non è la stessa...

    RispondiElimina
  12. @Stefania, grazie per la segnalazione, avevo dimenticato a scrivere il miele tra gli ingredienti......ciao.

    RispondiElimina
  13. splendide, bravissima! Buona settimana anche a te, Giorgia & Cyril

    RispondiElimina
  14. Mamma mia come sono belle!! bravissima!! Sono rimasta senza fiato!! Un abbraccio carissima!!

    RispondiElimina
  15. sono davvero perfette,li facevo anche io fino a qualche anno fa ,ma adesso non mi va più,
    ciao cara fabiola

    RispondiElimina
  16. Mamma mia Fabiola che belle! sono splendide e sembrano vere! che bella tradizione! un bacione Ely

    RispondiElimina
  17. Che bella fabiola, sei stata bravissima. Una pecorella deliziosa. Questa potrei mangiarla anch'io ;)
    Baci

    RispondiElimina
  18. MA CHE CARINA LA PECORELLA , BELLO ANCHE IL CAVALLINO.
    BACI

    RispondiElimina
  19. Complimenti per questo capolavoro e per le splendide immagini!!! Baci

    RispondiElimina
  20. Bellissime, una bella ricetta della tradizione! complimenti a mamma e figlia!!

    RispondiElimina
  21. Le ho sempre vist in tv!
    Non le ho mai fatte, ma sono così carine!E poi le tradizioni sono bellissime da conservare!
    Brava Faby!

    RispondiElimina
  22. complimenti! davvero bella!!!!!!!

    RispondiElimina
  23. Che belle!!!! Bellissima anche la tradizione, complimenti Fabi!

    RispondiElimina
  24. E brava la nostra Fabi....anche la Pecorella!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  25. Stupende e che buona la pasta di mandorle!

    RispondiElimina
  26. Complimenti sei stata bravissima, e che bello mantenere vive le nostre tradizioni!!!
    Buonanotte

    RispondiElimina
  27. Ma è bellissima questa pecorella!!! Bello mantenere le tradizioni! Bravissima, baci

    RispondiElimina
  28. Prima del Venerdì Santo dovrò realizzarne 90...ce la farò???!!!Ma siiiiiiii, ne ho già fatte 10.Bellissime anche le tue e in bocca al lupo per il contest, Roby

    P.S. 1 kg di zucchero x 500 g di mandorle...non è che hai digitato male? Evidentemente utilizziamo ricette diverse ,ma sicuramente valide entrambi.Ciao, ciao

    RispondiElimina
  29. Perfetta e deliziosa ciao
    una felice serata

    RispondiElimina

Se passi, lascia un commento, fa sempre piacere, GRAZIE.
A tutti coloro che si firmano Anonimo, li informo che il loro messaggio verrà eliminato.